Cerca un castello

Castelli in Italia






Cerca per provincia

province italiane


Seleziona di seguito la provincia di tuo interesse per consultare le schede dei castelli presenti

Castello di Gioia del Colle 
Italia Puglia
Castelli
Località: Gioia del Colle
Visitabile: visita in orari prestabiliti
Provincia: Bari
Il Castello di Gioia del Colle è una struttura di pianta trapezoidale che presenta quattro torri quadrangolari costruite in epoche differenti. Nell’attuale castello, rimaneggiato più volte, nulla è rimasto della antica fortezza bizantina. La prima riedificazione dopo la conquista normanna dell’Italia meridionale è da attribuire a Riccardo Siniscalco, fratello di Roberto il Guiscardo. Il castello è legato al nome dell’Imperatore Federico II di Svevia che lo ristrutturò di ritorno dalle Crociate e vi soggiornò in vita e in morte. Qui infatti sostò la sua salma dopo che la morte l’aveva colto nel 1250 nelle vicinanze di Foggia, durante il suo ultimo viaggio per essere tumulato all’interno della Cattedrale di Palermo dove riposano anche i suoi avi. Qui l’Imperatore, il Puer Apuliae, aveva soggiornato diverse volte. Secondo una leggenda Federico II fece rinchiudere all’interno del castello una donna che gli era stata molto vicina: la Dama piemontese Bianca Lancia. La storia ufficiale non ha mai chiarito definitivamente se abbia o no sposato Bianca, ciò che sappiamo è che Bianca ebbe da lui alcuni figli fra cui il celebre Manfredi che erediterà il trono di Sicilia. La leggenda narra dell’Imperatore, che accortosi della gravidanza, roso di gelosia fece gettare la giovane dama in una prigione ricavata sotto la torre detta appunto della regina. Qui bianca fece nascere Manfredi, qui in preda alla disperazione per essere stata accusata di infedeltà si recise i seni, che inviò su di un vassoio d’argento all’Imperatore insieme al suo bambino la cui straordinaria somiglianza fisica (e successivamente caratteriale) con il padre, convinse Federico dell’ingiustizia della sua accusa. Nella cella di Bianca, sono stati scolpiti due seni a bassorilievo per ricordare l’accaduto. Da questa leggenda proviene la seconda spiegazione sull’origine del nome del comune, interessante, ma poco fondata: Gioia deriverebbe dai gioielli persi e sparpagliate dalla regina sul colle al momento dell’arresto: “gioie per il colle” da cui “Gioia del Colle”. Il castello è oggi un luogo estremamente affascinante, grazie anche all’aggiunta di elementi d’arredo in stile medievale quali camini e sedili, decori e camminamenti sicuramente posticci ma eseguiti con gusto e abilità durante i restauri eseguiti fra il 1907 e il 1909. Le due torri angolari, per quanto molto simili sono di epoche diverse, sono caratterizzate da un bellissimo bugnato di carparo rosso, incorniciato dall’uso di pietra bianca calcarea agli spigoli e intorno alle aperture. L’intero piano terra è occupato per buona parte dal Museo Nazionale Archeologico. Gli oggetti qui esposti derivano in buona parte dal Parco Archeologico di Monte Sannace, una interessante zona archeologia a meno di 10km dal centro abitato in direzione Putignano. Si tratta sicuramente di un grande centro abitato che raggiunse il suo apice (vi sono i resti di ben cinque cinte murarie) fra il VI e III secolo a.c. Resta purtroppo ignoto l’antico nome della città, sicuramente uno dei centri più importanti dell’antica Peucetia.




Recensioni utenti

Media voti da: 1 utente(i)

Media voti (pesati)
5.0
Bellezza
5.0
Visitabilità
5.0
Facilità di arrivo
5.0
Dintorni
5.0
 

Aggiungi una recensione



2 di 2 persone hanno trovato questa recensione utile

Magnifico esempio di architettura Normanno-Sveva, marted 16 dicembre 2014

Autore Terry

Media voti (pesati)
5.0
Bellezza
5.0
Visitabilità
5.0
Facilità di arrivo
5.0
Dintorni
5.0
Il maniero, dal punto di vista architettonico, è un interessante esempio di opera fortificata del periodo federiciano in Puglia. La costruzione inizialmente pensata per la difesa della Città ed il controllo del territorio, posta a 360 metri sul livello del mare, è a metà strada tra i due centri urbani maggiori della Regione “Bari - Taranto”; presenta negli elementi architettonici ed artistici i tre tempi più importanti delle fasi costruttive: bizantino, normanno e svevo. 
Trovi utile questa recensione? yes     no


 
< Prec.   Pros. >