Cerca un castello

Castelli in Italia






Cerca per provincia

province italiane


Seleziona di seguito la provincia di tuo interesse per consultare le schede dei castelli presenti

Castello di Engso 
Altri Paesi europei Svezia
Castelli
Località: Västerås
Visitabile: visita in orari prestabiliti
Il Castello di Engsö è circondato di mistero e superstizione e nel corso dei secoli ha mantenuto le sue tradizioni. Il luogo in cui è situato il maniero è molto isolato, sulla pittoresca e suggestiva isola Ängsö nel lago Mälaren. Si parla di Engsö già dall'anno 1185, ma come e da chi sia stato costruito ancora non si sa. Il castello, dopo un ampliamento ed un rimaneggiamento avvenuti nel 1630, ha acquisito il suo attuale aspetto architettonico esterno ed interno nel 1740, quando l'architetto Carl Hårleman creò un'elegante residenza per il conte Carl Fredrik Piper, anche se parti della casa sono ad oggi ancora del 1480 e del 1630. Il castello è stato abitato dalla famiglia Piper fino al 1959. Oggi la residenza è aperta al pubblico ed è stata adibita a museo. In essa si possono ammirare la grande collezione di quadri, i bellissimi interni e la famosa catena di Engsö, legata ad una delle tante leggende che coinvolgono la residenza. Nella cucina del castello vengono inoltre serviti ai visitatori caffé, pane artigianale, cialdoni, panini e cibi leggeri.




Recensioni utenti

Media voti da: 1 utente(i)

Media voti (pesati)
4.6
Bellezza
5.0
Visitabilità
5.0
Facilità di arrivo
3.0
Dintorni
5.0
 

Aggiungi una recensione



3 di 3 persone hanno trovato questa recensione utile

Castello di Engsö, gioved 22 maggio 2008

Autore andrea vimai

Media voti (pesati)
4.6
Bellezza
5.0
Visitabilità
5.0
Facilità di arrivo
3.0
Dintorni
5.0
Contesto e villa-castello meravigliosi.. Superata la città di Vasteras, si scende praticamente verso la punta di una penisola che penetra il lago di Malaren (stupendo..) e in mezzo a questa isola c'è Engso.. La posizione è veramente isolata, in fondo ad una lunga stradina di campagna, ed è per questo che c'è pieno di leggende sul luogo. Catharina Piper, discendente della famiglia, oggi vive in una depandance della tenuta e accompagna spesso i turisti nella visita (io c'ero!!!). E racconta una delle tante legggende, che dice più o meno che una notte un suo avo, non riuscendo a dormire, giocò a dadi con un fantasma. Il fantasma perse la partita e cedette una catena d'oro (che è ben visibile nel museo) con la minaccia però che restasse nel castello, altrimenti sarebbe andato distrutto! Io ci sono andato nel periodo natalizio, una meraviglia, anche perchè ti offrono vino brulé e biscotti e in un salone ci sono molti artigiani che vendono le loro produzioni. Atmosfere bellissime, davvero un'esperienza che resta nel cuore.
Trovi utile questa recensione? yes     no


 
Pros. >